Girovagando in Trentino

Che cos’è un BiciGrill e quali sono i servizi che offre?

20 Marzo 2019

Sono passati quattro anni da quando la Provincia di Trento ha adottato il marchio per distinguere i BiciGrill del Trentino e da allora di passi avanti ne sono stati fatti parecchi.

Già a suo tempo la nostra redazione propose un approfondimento sul concorso di idee proposto dal Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale della Provincia che vide imporsi Ariela Chiampan, studentessa dell’Istituto d’arte di Rovereto Fortunato Depero, con il suo elaborato che dal 2015 rappresenta i BiciGrill trentini sui materiali di comunicazione delle Apt di riferimento.

Da questa nuova veste grafica è nato non soltanto un progetto di comunicazione unitario ma anche e soprattutto un processo di infrastrutturazione del territorio che oggi può contare su ben 21 punti di riferimento

Ma cos’è un BiciGrill e qual’è l’obiettivo?

I BiciGrill sono disciplinati dalla delibera di Giunta Provinciale n. 1771 d.d. 17 ottobre 2015 la quale specifica che “Si definisce “Bicigrill” la struttura collocata lungo i percorsi ciclabili e ciclopedonali, finalizzata a fornire agli utenti degli stessi percorsi un posto di ristoro, informazioni sulla rete ciclabile, approvvigionamento, noleggio bici, servizio di riparazione e assistenza”

I bicigrill sono quindi punti di ristoro situati in punti strategici dei vari percorsi ciclopedonali del Trentino che hanno lo scopo di:

– ristorare attraverso la distribuzione di bevande e generi alimentari legati all’attività sportiva;
– assistere i cicloturismo attraverso la messa a disposizione di piccole attrezzature idonee alla manutenzione delle biciclette;
– informare attraverso la distribuzione di materiale informativo e l’assistenza di personale qualificato per promuovere le varie possibilità di movimento in bicicletta e le varie offerte del territorio limitrofo.

Il BiciGrill deve quindi disporre di:

– un locale per la somministrazione di bevande e pasti veloci, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente in materia di pubblici esercizi;
– un apposito spazio informativo riguardante il percorso ciclabile e il territorio di riferimento;
– un locale indipendente, della superficie minima di 5 mq, dotato di piccole attrezzature idonee alla manutenzione delle biciclette;
– doppi servizi igienici, di cui uno riservato ai portatori di handicap.

In aggiunta a questi servizi minimi ogni BiciGrill deve disporre inoltre di:

– una tettoia aperta, direttamente collegata all’edificio, della superficie minima di 30 mq e massima di 60 mq, dotata di panchine e tavoli, liberamente accessibile per offrire riparo agli utenti del percorso ciclabile;
– un’area esterna di almeno 50 mq dotata di: panchine, tavoli e porta bici per almeno 10 biciclette e una fontanella per l’acqua potabile, liberamente accessibili agli utenti del percorso ciclabile;
– un collegamento diretto alla pista ciclabile riservato ai ciclisti, viabilità di servizio indipendente dalla pista ciclabile e uno spazio di sosta destinato al carico/scarico delle merci. La dotazione di spazi di parcheggio relativa al pubblico esercizio è dovuta nel caso in cui il Bicigrill sia servito da viabilità aperta al transito veicolare.

Quali sono gli orari di apertura dei BiciGrill?

La delibera Giunta Provinciale n. 1771 d.d. 17 ottobre 2015 pone l’obbligo di rendere fruibile i Bicigrill nel periodo che va dal 1° aprile al 30 ottobre, ferma restando la possibilità di prevedere periodi di apertura diversi mentre deve essere garantita l’apertura in una fascia oraria che va dalle 08 alle 20.

La loro caratteristica di servizio ai cicloturisti pone inoltre l’obbligo di essere realizzati ad una distanza massima dei percorsi ciclabili e ciclopedonali non superiore a 100 metri anche per favorirne un utilizzo ed una fruizione quanto più immediata possibile specie in situazioni di effettiva necessità (manutenzione o riparazione delle biciclette).

I BiciGrill del Trentino si stanno caratterizzando quindi come veri e propri punti di riferimento per un cicloturismo in continua espansione ma soprattutto come una tra le poche e vere innovazioni registrabili tra i territori che vogliono porsi come meta accogliente per biker, viaggiatori in bici e appassionati.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche In bicicletta sulle piste ciclabili del Trentino – lo speciale

Autore : Alessio Migazzi