14 Giugno 2021

Vuoi vivere in Trentino con la tua famiglia? Scopri il bando Coliving

di: Girovagando in Trentino

La vostra famiglia, la vita dei vostri sogni, uno splendido paesino montano totalmente immerso nella natura.

Se già vi state immedesimando in questo allettante scenario, allora il progetto Coliving – collaborare condividere abitare” potrebbe fare proprio al caso vostro.

5 alloggi concessi in comodato gratuito per un periodo di 4 anni per questa seconda edizione del progetto di Coliving che vede coinvolta la Valle del Vanoi ed è promossa dalla Provincia autonoma di Trento (Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili, Servizio politiche della casa, UMST – l’Unità di missione strategica “Innovazione Settori Energia e Telecomunicazioni”), insieme a Fondazione Franco Demarchi, ITEA S.p.A, Comune di Canal San Bovo e Comunità di Primiero. Il progetto è inoltre promosso dal Distretto famiglia e dal Piano Giovani del Primiero.

Potreste essere proprio voi, con la vostra famiglia, ad aggiudicarvi una di queste case ed entrare così a far parte della Comunità del Primiero. Il progetto nasce, infatti, con l’obiettivo di invertire la tendenza allo spopolamento dei comuni montani trentini.

Oltre alla possibilità di trasferirvi in un’abitazione a stretto contatto con le bellezze naturali della nostra regione, con questa scelta avrete anche l’opportunità di compiere un gesto d’importanza inestimabile per la preservazione del territorio.

Cosa vi serve sapere

  • Il bando è attualmente in fase di elaborazione e sarà disponibile a partire dal mese di giugno 2021
  • Il bando porterà all’assegnazione di 5 appartamenti con contratto di comodato a titolo gratuito per 4 anni.
  • Gli appartamenti offerti nella formula Coliving sono ubicati: 1 a Canal San Bovo, 1 nella frazione di Prade, 3 a Caoria. Sono dotati di connessione a banda larga per supportare forme di lavoro in modalità smart-working.
  • Il bando si rivolge a 5 nuclei familiari (gli altri requisiti sono specificati dettagliatamente nel bando).
  • I partecipanti saranno inoltre selezionati in base al loro “curriculum sociale abitativo” e cioè alla volontà di inserirsi attivamente nella comunità contribuendo alla crescita sociale e culturale del territorio.

Per i dettagli sul progetto potete consultare la pagina dedicata a questo link

Il progetto Coliving: collaborare, condividere, abitare

Il progetto nasce con gli obiettivi di: favorire il ripopolamento del territorio; sostenere l’autonomia dei giovani; utilizzare la forma del Coliving quale strumento strategico per la valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico; rinsaldare e dare vita a nuove reti sociali che condividono l’idea di un welfare generativo mettendo al centro politiche giovanili, abitative, sociali e lavorative, che insieme concorrono alla costruzione di patti fiduciari tra nuove generazioni e abitanti dei territori.

Il progetto pilota è nato due anni fa nel comune di Luserna, riscuotendo il successo sperato. Per questo la Provincia autonoma di Trento ha approvato un secondo bando, questa volta con il Comune di Canal San Bovo, nella Valle del Vanoi.

Una valle vocata al benessere delle famiglie

Dal 2007 il Comune di Canal San Bovo è certificato con il marchio “Family in Trentino” ed è membro del Distretto Famiglia di Primiero.

La certificazione favorisce la realizzazione di iniziative orientate al benessere delle famiglie, per rispondere alle esigenze e alle aspettative di queste ultime: agevolazioni economiche, promozione della natalità, riorientamento dei servizi e dei prodotti del territorio.

Il tutto con la finalità di far crescere un territorio a misura di famiglia, aumentandone l’attrattività e contribuendo anche allo sviluppo economico e sociale.

Tutto molto bello, ma…

Cosa ha da offrirmi la Valle del Vanoi?

Se è questa la domanda che vi state ponendo adesso, forse è il momento di andare a conoscere un po’ meglio questa affascinante realtà montana.

La Valle del Vanoi si estende per circa 125 Kmq nel Trentino orientale, al confine con Primiero, Veneto e Val di Fiemme. Si presenta come un’ampia pennellata di verde rigoglioso all’ombra della catena montuosa del Lagorai e del massiccio di Cima d’Asta. I paesi e le piccole frazioni del Vanoi si disseminano su morbidi pendii soleggiati, ricchi di ampie distese erbose, circondati da boschi, pascoli e malghe. Qui l’operato dell’uomo riesce ad affiancarsi e coesistere armoniosamente con la bellezza incontaminata del luogo, da molto tempo.

Canal San Bovo rappresenta il cuore pulsante della Valle del Vanoi. Questo paese ospita infatti la sede municipale e alimenta l’intero ecosistema comunitario offrendo servizi primari quali la biblioteca comunale, la farmacia, l’ufficio turistico e il prezioso Ecomuseo del Vanoi. Tutt’intorno a questo centro abitato si diramano le strade direttamente collegate alle molte e variegate frazioni periferiche, da Cicona a Zortea, dai caratteristici Colmèi di Ronco alla tranquilla Caoria. I boschi che circondano l’abitato di Caoria hanno fama di essere un ambiente ideale per la raccolta del porcino, tanto che ogni anno, proprio qui, viene organizzata la tradizionale Festa delle Brise (termine dialettale per indicare il porcino).

La Valle, forte della sua prossimità alla maestosa catena del Lagorai, si presta molto bene a svariate attività all’aria aperta e nella natura, come le escursioni in mountain bike, lo scialpinismo, le arrampicate.

Molto nota è la Ferrata Didattica della Val di Scala, comodamente raggiungibile da Caoria. Una tra le pochissime ferrate granitiche di bassa quota, è ideale per i neofiti e per le famiglie che intendano far sperimentare ai figli più piccoli un primo approccio all’alpinismo, in totale sicurezza. La tratta coperta è molto suggestiva, immersa nella vegetazione, a ridosso di una cascatella verticale che prevede un passaggio avventuroso su un ponte tibetano lungo 12 metri.

La Valle del Vanoi è senz’altro un territorio appassionante, capace di raccontare molto di sé e della propria storia, già solo ad un primo colpo d’occhio. La bellezza dei suoi territori è avvalorata dall’inestimabile patrimonio conoscitivo custodito dalla comunità e tramandato di generazione in generazione. Proprio per questo motivo, a Canal San Bovo, una ventina di anni fa è sorto il famoso Ecomuseo del Vanoi.

Qui la conoscenza diviene uno strumento fondamentale per guardare al futuro, nel nome della continuità della storia: l’Ecomuseo vuole infatti farsi promotore di iniziative di sviluppo giusto e sostenibile, coerenti con l’identità e la vocazione del territorio. Dell’Ecomuseo del Vanoi fanno parte il Museo della Grande Guerra di Caoria, la Stanza del Sacro di Zortea, la Casa del Sentiero Etnografico di Caoria e i Mulini dei Caineri di Ronco.

Una comunità coesa e forte, legata alle proprie origini ma sempre rivolta all’innovazione, con una spiccata sensibilità per la cura dell’ambiente. Se volessimo cercare di racchiudere lo spirito che si respira in questi luoghi in una sola parola, probabilmente questa sarebbe “gratitudine”: quella rivolta alla propria terra, alle proprie tradizioni, alla propria storia e cultura.

Contatti e riferimenti:

COMUNITÀ DI PRIMIERO
distretto.famiglia@primiero.tn.it | tel: 334.1063008 | www.primiero.tn.it

COMUNE DI CANAL SAN BOVO
upr@comune.canalsanbovo.tn.it | tel: 0439.719907 | www.canalsanbovo.net

AGENZIA PER LA FAMIGLIA, NATALITÀ E POLITICHE GIOVANILI
PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

agenziafamiglia@provincia.tn.it | tel. 0461-494110 |
https://bit.ly/3sUJYsR

Consigliato per te:
AUTORE DEL POST:

Girovagando in Trentino

Promuoviamo il turismo dell’esperienza, l’amore per il territorio con la sua cultura, la natura ed il patrimonio dell’eno-gastronomia del TRENTINO.

Speciali a tema:

Scopri gli approfondimenti di Girovagando!

In esclusiva tutte le escursioni

Dove andiamo domani?

Scoprile tutte!

Idee per una vacanza attiva

Estate 2021

Scoprile tutte!