10 Settembre 2021

Proviamo le Garda Trentino Top Experience

di: Girovagando in Trentino

Oggi torniamo a parlarvi del meraviglioso Garda Trentino e, più in particolare, di una serie di freschissime novità che hanno guidato la ripresa dell’offerta turistica su questo territorio.

L’Azienda per il Turismo si sta infatti prodigando, in questo periodo più che mai, per il rilancio e la conseguente riorganizzazione delle maggiori destinazioni turistiche della zona del Garda.

Abbiamo avuto il piacere di scambiare alcune parole con il presidente dell’APT Silvio Rigatti, che ci ha subito illustrato una prima importante novità per quanto riguarda l’offerta paesaggistica, ovvero l’ascensore panoramico che collega (in soli tre minuti!) il centro storico di Riva del Garda con il celebre Bastione veneziano.

Al notevole successo riscosso da questa recente introduzione va poi ad aggiungersi quello – altrettanto grande – legato alle esperienze. Di che si tratta? Non è altro che il concept scelto per la presentazione al pubblico di un ampio ventaglio di attività, uniche nel loro genere, recentemente ideato e sponsorizzato dall’APT del Garda. Stiamo parlando delle Garda Trentino Top Experience!

“I ricordi più belli ti accompagnano per sempre”

Le Top Experience ricomprendono ben 12 esperienze da godersi da soli o in compagnia al cospetto degli scenari più suggestivi della zona del Garda Trentino. Si potrà spaziare dall’uscita in SUP alla Cascata del Ponale, alla passeggiata nei luoghi più misteriosi di Riva del Garda, passando per l’aperitivo in barca a vela a base di bollicine e finger food, arrivando infine all’escursione serale sulla cima del Monte Stivo. Un’iniziativa variegata quindi, pensata per incantare, deliziare e catturare il turista, regalandogli dei ricordi indelebili.

Le offerte sono già state prolungate fino al 24 di settembre in ragione del grande successo riscontrato. Sicuramente verranno proposte anche il prossimo anno, andando a ricomprendere le zone di Ledro e Comano (che, come ci spiega il presidente Rigatti, lo scorso giugno si sono riunite sotto un unico APT, la neonata Garda Dolomiti S.p.A.).

Nel corso della nostra uscita odierna abbiamo avuto la fortuna di immergerci in due di queste esperienze e, come nostro solito, siamo qui per raccontarvele!

Il sentiero della Ponale: la storia oltre i paesaggi del Garda

Il Sentiero della Ponale è solo una delle numerose offerte paesaggistiche che hanno reso e continuano a rendere il Lago di Garda una meta tanto ambita per turisti e sportivi. Questa strada si dispiega da Riva del Garda fino alla Valle di Ledro per circa 5 km (su 200 m di dislivello complessivo), accompagnando i confini frastagliati del lago e restituendo a chi la percorre un meraviglioso senso di vertigine.

Le emozioni suscitate dall’escursione sono di quelle che restano impresse a lungo e no, non avrete alcuna scusa valida per rinunciarvi! Si tratta infatti di un percorso piuttosto lineare, molto panoramico e quindi adatto davvero a chiunque.

Il sentiero deve il suo nome alla maestosa Tagliata del Ponale, il punto d’arrivo, un’opera ingegneristica di origine militare interamente scavata nella roccia. Attorno alla struttura di grande impatto visivo si può respirare ad ogni passo la storia che ha accompagnato questi luoghi, che diventa quasi tangibile, insinuandosi tra gli interstizi e le cavità rocciose del percorso. Una storia che parla anche – e soprattutto – di guerra.

Proprio qui, infatti, poco prima della Grande Guerra furono erette diverse fortificazioni a difesa dei confini austroungarici. La stessa Tagliata del Ponale fu edificata proprio per scongiurare il pericolo che gli eserciti nemici potessero sconfinare dalla zona di Brescia a quella di Trento con facilità, approfittando del comodo passaggio sul Garda. La Tagliata rappresentò quindi per molto tempo un vero e proprio presidio strategico, di grande utilità per gli austriaci.

La struttura – molto innovativa per i suoi tempi – si sviluppa completamente all’interno della montagna per circa 1 km e mezzo, stratificandosi su cinque livelli. È solo da pochissimo tempo e grazie agli sforzi dell’APT che la Tagliata del Ponale può essere visitata dall’interno (pur sempre attenendosi alle opportune regole di contingentamento e sicurezza). Si tratta di un’opportunità davvero preziosa, sia da un punto di vista paesaggistico, sia storico.

La ricetta per un aperitivo da favola sul lago di Garda

Una barca a vela, un Ferrari Trentodoc, dell’ottimo pesce di lago accompagnato da Trentingrana e carne salada, un’atmosfera da favola fatta di tramonti, sorrisi, musica. Ecco la miscela perfetta per ottenere l’esperienza più ‘exclusive’ dell’intero pacchetto: l’incantevole aperitivo gourmet in barca a vela.

La partenza è prevista, in genere, nel tardo pomeriggio dal porto di San Nicolò – da qui il via ad un itinerario che vi consentirà di ammirare da vicino la cascata del Ponale, per poi proseguire con la navigazione in lungo e in largo della durata di circa due ore e mezza.

 

L’esperienza è consigliata veramente a chiunque, anche a chi non si sia mai approcciato prima al mondo delle barche a vela e della navigazione in generale. Il gustosissimo aperitivo ci è stato servito durante l’ultima tratta, quella più tranquilla, mentre la barca veniva dolcemente trasportata dal soffio dell’ora e un tramonto mozzafiato iniziava a profilarsi all’orizzonte. Un’atmosfera unica, che ci ha fatto concludere la giornata nel migliore dei modi!

Consigliato per te:
AUTORE DEL POST:

Girovagando in Trentino

Promuoviamo il turismo dell’esperienza, l’amore per il territorio con la sua cultura, la natura ed il patrimonio dell’eno-gastronomia del TRENTINO.

Speciali a tema:

Scopri gli approfondimenti di Girovagando!

In esclusiva tutte le escursioni

Dove andiamo domani?

Scoprile tutte!

Idee per una vacanza attiva

Estate 2021

Scoprile tutte!